PRENOTAZIONE ON-LINE

  • Conferma immediata
  • 100 % Sicuro
  • Pagamento al hotel
Numero di invitati/Code promo

Scegli il numero di ospiti

- +
 
- +
 

Si prega di inserire l'età del bambino

-  
-  
-  
-  

Ultra Last Minute

Storia di Brela

Quando si parla della storia di Brela dobbiamo ritornare indietro nel tempo di 2 millenni. Numerose, infatti, sono le attrazioni che ancora da tempi remoti vengono attribuite a questo stupendo paesaggio. Di conseguenza, non stupisce il fatto che il primo protettore di quest’oasi dell’Adriatico, dell’antica Berylliae, sia proprio Silvano, il dio illirico-romano delle selve e della natura intatta.

Oggi Brela è un paese turistico moderno che vanta una ricca tradizione e numerose bellezze naturali.

L’imperatore Costantino VII di Bisanzio, detto il Porfirogenito, citò questo luogo nella sua lettera del 10° secolo. La chiesa parrocchiale del XIX sec. fu costruita sui resti di una chiesa barocca, mentre lungo il cimitero si trova una necropoli medievale con otto lapidi ornate con rilievi (scudi e pugnali). Nella chiesa sono custodite varie lapidi risalenti al XVIII secolo.

Il monumento storico più interessante è il rilievo (II e III secolo) rappresentante il dio illirico Silvano a Soline. In una mano tiene la lama che simboleggia il culto pastorale dell’agricoltura. Il culto di Silvano era particolarmente rispettato da parte della tribù illirica dei Dalmati.
Questa è la prova dell’esistenza in questi luoghi della civiltà nella tarda antichità e, soprattutto, dell’enorme influsso del dominio romano di quei tempi. Il paese attuale è stato fondato in tempi più recenti in seguito alla migrazione degli abitanti dai villaggi situati ai piedi della montagna di Biokovo.